Daniele Celona è tornato con un disco-fumetto

di Miriam Viscusi

I brani assomigliano a dei racconti brevi, ed è per questo che il titolo fa venire in mente un progetto editoriale. “Abissi Tascabili” è uscito il 25 ottobre e non è solo un disco: le dieci canzoni  sono diventate dieci fumetti grazie agli illustratori del Progetto Stigma, che ne hanno reinterpretato i testi. Il disco è uscito in collaborazione con Comicon Edizioni ed è stato presentato da The Goodness Factory e da i Celofan (il fanclub ufficiale). Da pochi giorni è disponibile anche il primo singolo, HD Blue

Abissi Tascabili.jpeg

Copertina di Cosimo Miorelli. Gli altri illustratori sono: Alberto Ponticelli, Akab, Marco Galli, Luca Negri (RSM), Cammello, Officina Infernale, Stefano Zattera, Darkam, Jacopo Starace, Squaz 

Un altro singolo è Shinigami, preziosa collaborazione con Pierpaolo Capovilla. Il video è costruito con le animazioni di un videogioco e realizzato da The Goodness Factory con la regia di Bruno “Mezzacapa” d’Elia:

L'ultima traccia invece si chiama 24617 ed è l’unica autobiografica. Per realizzarne l’accompagnamento con i violoncelli, Celona si è affidato a Bea Zanin e Chiara Di Benedetto, musiciste con cui  aveva già suonato per il set “V per violoncelli”. Un’altra collaborazione interessante che troveremo nel disco è quella con il coro gospel Sunshine:

Molte persone – musicisti e non - hanno contribuito al disco. Lo stesso Celona le ha presentate tutte con dei video pubblicati sulla sua pagina Facebook:

Per finanziare il progetto è stata attivata su Eppela una campagna di crowdfunding: 25 euro per ricevere il disco autografato e un biglietto early bird per le prime date del tour. Con donazioni diverse sono possibili molte altre combinazioni di cd e gadget. La campagna ha raggiunto la somma prefissata e si è chiusa il 23 ottobre,riuscendo a finanziare l’intero progetto.

 “Abissi tascabili” è il terzo disco di Daniele Celona. Il precedente, “Amantide Atlantide”, era uscito nel 2015. L’esordio avveniva nel 2012 con “Fiori e Demoni”.