SIAE: il report del primo anno di Italia Music Export e i nuovi obiettivi

SIAE ha tirato le somme del primo anno dall’avvio dell’ufficio per la promozione del prodotto musicale italiano all’estero.

siae-copia-privata-equo-compenso-rimborso.jpg

Nel novembre 2017 la Società Italiana degli Autori ed Editori, meglio nota come SIAE, ha lanciato l’Italia Music Export: un ufficio dedicato al supporto e alla diffuzione della musica italiana all’estero. Sul modello dei già esistenti uffici di esportazione musicale presenti in Europa, l’Italia Music Export si pone l’obiettivo di sostenere economicamente gli artisi e le aziende impegnate all’estero, nonché, la formazione e il supporto strategico a musicisti e professionisti. Un altro importante obiettivo è la promozione di un “made in Italy“ musicale.

In questo anno di attività, l’ufficio IME ha stanziato un totale di 71.145€ per le attività di esportazione di autori, esecutori ed operatori dei quali la maggior parte destinati al finanziamento di tour e viaggi per gli operatori. Tra i beneficiari vi sono artisti emergenti come Any Other, Giungla, Aquarama, Hån ma anche band e artisti già affermati come Lo Stato Sociale, Calibro 35, Vinicio Capossela, Julie’s Haircut e molti altri. Per il nuovo corso, SIAE ha deciso di portare la somma a disposizione del nuovo ufficio a 115.000€, con un incremento del 62% rispetto all’anno precedente.

SIAE1.PNG

Qui è possibile visitare il sito dedicato a Italia Music Export e vedere il report completo del primo anno di attività.